SalvaSalva



NON SOLO CULTURA...

Teatro alla Scala

Milano è una bella città: avendo tempo e alzando lo sguardo regala angoli di grande suggestione e se riuscite a non farvi travolgere dal traffico e dai ritmi vertiginosi è una città d'arte splendida, che vale la pena di osservare anche da un altro punto di vista.
Ecco allora una nuova sezione di MS, che vuole farvi percorrere le vie dello shopping con un tocco artistico e culturale che vi farà subito apparire come la più informata, la più attenta, la più chic del gruppo.
Naturalmente (ma questo non lo confesseremo mai a nessuno!) sceglieremo solo palazzi, chiese, monumenti e musei che siano vicini a negozi e vetrine degne di una visita.

Va bene la cultura, ma …anche il nostro armadio vuole la sua parte!

Le schede artistiche sono scritte da un uomo, Fabio, appassionatissimo d'arte e grande camminatore milanese, ma tutte le indicazioni significative sono validate e confermate da MilanoSecrets!

TEATRO ALLA SCALA

E' uno dei teatri più famosi al mondo.
Prende il nome dall'omonima piazza, un vero e proprio salotto della città.
La piazza prende il nome dalla chiesa gotica che fu eretta nel 1371, S. Maria della Scala.
Chiamata così in onore della committente, Regina della Scala, sposata Visconti, signore di Milano.
La chiesa fu demolita per far posto al teatro regio, che nel 1776 fu distrutto da un incendio.
Il 3 Agosto 1778 fu inaugurato il teatro oggi così famoso, voluto da Maria Teresa d'Austria e progettato dal famoso architetto folignate, allievo e collaboratore del Vanvitelli, Giuseppe Piermarini.
Fu rappresentata l'opera lirica Europa riconosciuta (in questo momento è confortante o desolante?).
Lo stile è neoclassico, sobrio, minimale, milanese!
Nulla di eccezionale, fatta salva la galleria delle carrozze, una sorta di porticato collocato sulla facciata; soluzione che fece scalpore e poi scuola.
Gravemente danneggiata dal bombardamento della notte di ferragosto del 1943, fu restaurata e nuovamente inaugurata l' 11 maggio 1946, con un memorabile concerto diretto dal maestro Arturo Toscanini.
L'ultima importante ristrutturazione, che ha riguardato la parte posteriore e la logistica dei palcoscenici, si è svolta tra il 2002 e il 2004.
Leggendo le date sempre tempi molto rapidi, segno dell'efficienza della città.
Quello che in definitiva affascina della Scala, più che l'architettura della facciata o l'eleganza degli interni, dove trovano posto più di duemila spettatori, è l'atmosfera di prestigio e fascino che questo vero tempio della lirica emana.
Si respira l'aria della vera cultura italiana, che è il melodramma.
La “prima” alla Scala, il 7 Dicembre, festa del patrono S. Ambrogio, è un evento culturale internazionale.
Assistervi è un'esperienza commovente; si attraversano i secoli, si rivede la bellezza passata e, nel contempo, si rimane sospesi nel tempo!
Ma questa è un'altra storia.
La nostra storia, raccontare angoli di Milano, potrebbe continuare semplicemente voltandoci, per ammirare il cinquecentesco palazzo Marino, sede del Comune o la galleria Vittorio Emanuele, che collega la nostra piazza a Piazza del Duomo.
Ma anche queste sono altre storie….   

    
E se la Scala rimane uno dei nostri sogni proibiti, perché non cercare in città dei negozi che ci facciano sentire un po' artisti?

Nella piccola bomboniera di Porselli, proprio di fianco al teatro, tutù rosa e scarpette con la punta si sprecano e in questa piccola stanza correrete il rischio di incontrare qualche étoile.
Se invece volete solo dare un tocco dance al vostro look, imperdibile una visita al più contemporaneo Re Art: dalla gonnona di tulle alle scarpe da tango, il regno delle appassionate di Roberto Bolle&friends è tutto qui!

E se la passione è la musica?
La nostra amica Vale, vera esperta del settore, ci ha detto che gli strumenti, a Milano, si comprano da Lucky Music o nella più classica Ricordi di Piazza Duomo, mentre per gli spartiti si va da Mitarotonda.

Siete appassionati ma non avete orecchio?
Allora ci vuole allenamento, magari imparando dai più bravi.
Rifornitevi di dischi: se è rimasto qualcuno che li ascolta e che non li pirata ma li compra, il negozio per eccellenza dove scovare l'ultimo artista di musica classica e trovare anche una serie di cd dedicati a Milano è la Bottega Discantica.


Teatro alla Scala
Via Filodrammatici 2

Porselli
Piazza P. Ferrari

Reart
Corso Garibaldi 49

Lucky Music
Via Carlo D'Adda 29

Ricordi
Via Ugo Foscolo 3

Mitarotonda
Via F. Corridoni 37

Bottega Discantica
Via Nirone 5


Milano, 30 marzo 2012


Bookmark and Share