SalvaSalva




SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

Cocciuto

COCCIUTISSIMI!

Il ritorno è stato tragico? Siete ancora innamorate del mare, del sole e dell’abbronzatura e non riuscite più ad amare Milano?

Fatevi consolare dalle nuove aperture cittadine: sono tante e c’è solo l’imbarazzo della scelta per un rientro in città gustosissimo.
Noi abbiamo iniziato dalla pizza, e non ce ne siamo affatto pentite, anzi.

Il cibo per eccellenza, quello più consolatorio e piacevole possibile, quello della condivisione per eccellenza, trova una nuova vita nel raffinatissimo ‘Cocciuto’.
E cocciutissimi sono stati i due ideatori di questo format che ci ha subito convinte per la bontà nel piatto e la bellezza nel locale.



Il forno e gli impasti sono nelle mani del giovane e bravo Andrea Godi, che con sapienza e manualità prepara pizze di struttura e sostanza, che per noi sono ormai tra le migliori della città.

Oltre alla pizza, tante le proposte golose che vengono da una cucina che preannuncia i grandi classici nella versione ‘della nonna’, con gusto e sapienza.
Di fondo, una scelta rigorosissima delle materie prime, che Michela Reginato e Paolo Piacentini hanno selezionato con cura maniacale, andando in giro per l’Italia alla scoperta del pomodoro e della mozzarella ‘mai-più-senza’!
In chiusura, i classici più uno: la nostra amatissima pavlova che fa capolino tra un tiramisù e un babà.
C’è anche un gelato Winner, per i nostalgici degli anni ’80: non l’abbiamo provato ma il variegato arachidi caramellate ci fa già pregustare una autentica delizia. 



Il tutto racchiuso in un locale che strizza l’occhio ai ristoranti newyorkesi, con luci e arredi di design, ma che vuole rimanere ancorato al piacere di stare insieme tipico italiano: non un ristorante leccato, dunque, ma una vera e propria pizzeria, vestita da sera.

Sono previste altre aperture a breve, ma noi vi consigliamo di non aspettare: ci vediamo a uno dei tavoli di via Bergognone!



Cocciuto
Tel. 02 3652 8327

Milano, 6 settembre 2018

SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva
Bookmark and Share