BookSecrets

Simonetta Sciandivasci
La domenica lasciami sola

Chi non di noi non ha avuto almeno per una volta un fidanzato tifoso?
Io ne ho sposato uno e ho imparato a conviverci, anzi a sfruttarne i lati positivi.
Simonetta Sciandivasci in questo libro ci racconta in modo ironico il mondo dei pregiudizi femminili sul mondo del calcio con l’obbiettivo di riuscire a superarli.
Consigliamo a tutte la lettura!

Sarah Rabolini
Per un’estate

Un libro perfetto da portare con sé e godersi sotto l’ombrellone? L’abbiamo appena scovato, naturalmente in versione e-book,  mica ci possiamo cammellare duecenti chili di carta in valigia!
Intanto l’ha scritto un’amica di MilanoSecrets, Sarah, e poi ha il tono lieve e l’approccio femminile che vi conquisterà come ha fatto con noi.
Mitologia, amore, amicizia, ricette di cucina: non manca nulla perché diventi fin dalle prime pagine un immancabile compagno di vacanza.

“…Maria invita gli gnocchi a immergersi, con la delicatezza di un’anatra che chiama i piccoli a tuffarsi nell’acqua per la prima volta. Il pomodoro li aspetta in una zuppiera. E loro arrivano caldi, raccolti dalla schiumarola. Maria li adagia piano. Li accarezza con un filo d’olio e alcune foglie di basilico, che ha raccolto dalla pianta sul balcone. Mescola con attenzione e sorride davanti alla sua opera d’arte. «Cosa c’è di più bello?»”

Murakami Aruki
L’incolore Tazaki Tsukuro e i suoi anni di pellegrinaggio

Il nuovo Murakami è intenso e travolgente come ogni lettura del geniale scrittore giapponese, ma intimista e umano come mai prima d’ora.
Le pagine scorrono veloci e pregne, alla ricerca della storia dell’incolore protagonista, costruttore di stazioni ferroviarie col cuore spezzato da un’amicizia troncata senza ragione.
La strada che lo porterà a scoprirne il motivo è lastricata di pensieri, vite sospese, mistero, riflessioni.
Come sempre, un libro che lascia mille dubbi e un’unica certezza: non ci perderemo il prossimo!

Nicolas Barreau

Chiara Gamberale
Per dieci minuti

Chiara è stata lasciata dal suo fidanzato di sempre, ha lasciato la casa dove ha sempre vissuto e ha perso il lavoro.
Così si affida alla sua psicologa e decide di iniziare un gioco con lei.
Dieci minuti al giorno, tutti i giorni per un mese.
Chiara dovrà fare una cosa mai fatta prima.
E poco a poco Chiara ricomincerà a sorridere e a vivere senza neanche accorgersene.

Divertente scoprire quante cose non abbiamo mai fatto…

Da provare! (SM)

Andrea Bajani
La vita non è in ordine alfabetico

Una prosa che è poesia minuta e scritta in punta di penna. Le lettere dell’alfabeto sono lo spunto per raccontare piccole storie di carattere, che non lasceranno indifferenti. Da leggere con calma, gustando racconto per racconto, e meditando sul loro significato.
Un libro intimista, semplice, eppure di grande impatto emotivo. (AP)


Elizabeth Kelly
Chiedi scusa! Chiedi scusa!
Garzanti narratori

Un romanzo di riscoperta di sè, la storia del passaggio dall’adolescenza alla vita adulta di un giovane ricco coinvolto suo malgrado in un evento emotivamente più grande di lui, che condizionerà tutta la sua esistenza.
Un libro da leggere per le descrizioni ironiche dei protagonisti, per le atmosfere ovattate e iperealistiche del New England e per il viaggio interiore che porta il giovane a vincere la sua battaglia contro quello che tutti avevano deciso dovesse essere.(AP)


Francesco Piccolo
Il desiderio di essere come tutti
Garzanti narratori

Se avete passato l’adolescenza col pugno chiuso e con l’utopia nel cuore, questo libro è immancabile. Nel tratteggiare la sua inadeguatezza rispetto a qualunque appartenenza, Piccolo riesce a farci sentire come lui, sempre alla rincorsa di un gruppo e di una conferma, per poi scoprire – una volta raggiunti – di quanto la realtà non corrisponda alla fantasia e ci costringa ad un’ennesima ricerca.
Tra BR e storia patria, scoverete senz’altro un periodo che vi ricorderà quel che eravate.(AP)


Jonathan Tropper
Portami a casa
Garzanti narratori

Dope poche righe ho subito pensato che sarebbe stato un racconto fantastico.
Una bellissima storia in cui si ritrovano tante sorprese che la vita ci riserva, a volte piacevoli e a volte meno.
Judd sembra avere perso totalmente il filo della sua vita, ma quando –  controvoglia – si trova costretto a riunirsi alla sua famiglia e a vivere sotto lo stesso tetto per sette giorni, quando tutti perdono il controllo, lui si rimette in piedi e riesce  a ritrovare il suo equilibrio.
Una storia di amicizia e di famiglia. (SM)

Alyson Richman
Un giorno solo, tutta la vita
Edizioni Piemme

Una storia che ci riporta agli orrori dei campi di concentramento.
Questa volta attraverso una bellissima storia d’amore, di speranza, di sopravvivenza.
Triste ma non disperato, Il libro raccontala vita di Josef e Lenka , sopravvissuti alle persecuzioni naziste e anche al dolore per essersi persi.  Consiglio! (SM)

Irene Némirowsky
Siamo stati felici
Passigli Editori

Che dire…un capolavoro! Come d’altronde tutti i libri della Nemirowsky.
Nove racconti nei quali le protagoniste sono tutte figure femminili, e su di esse sono incentrati.
Parlano di amori vissuti o persi che hanno in qualche modo segnato il loro destino.
Attualissimo e molto poetico a partire dal titolo, che ricorda il tempo dell’amore in cui siamo stati felici.
Saranno i quarant’anni  ma un po’ di nostalgia per gli amori passati è venuta anche a me… (SM)

Haruki Murakami
1Q84
Einaudi

Ok, io ho una passione infinita per Murakami.
E sono davvero dispiaciuta che non abbia vinto il Nobel. E ho letteralmente adorato 1Q84.
Una delicata storia d’amore, un thriller mozzafiato, un racconto sull’amicizia più profonda e sulla fiducia che ne deriva, un romanzo visionario e folle, come solo Murakami riesce a scrivere, senza mai apparire davvero tale.
Insomma, alla fine, per sapere che in cielo non ci sono due lune ma una, vi tocca aspettare la sera e guardare il cielo.
A corollario, un imperdibile affresco sulla cultura giapponese, che vi risulterà un po’ meno estranea, ancorché sempre straniera.
Bello vero. (AP)

Alice Munro
Chi ti credi di essere?
Einaudi

Visto che ha vinto il Nobel per la letteratura non si può non aver letto qualcosa di suo, per essere up to date nelle conversazioni letterarie. Jonathan Frazer, uno dei suoi maggiori ammiratori, consiglia di iniziare da qui, e così ho fatto.
Intensa e romantica, questa raccolta di racconti legati uno all’altro dalla vita della protagonista che scorre, ci regala una bella sensazione di riscossa, e una brutta sensazione di sconfitta.
Il tutto con un tono profondo, intimista, femminile, che difficilmente non conquista. (AP)

Barbara Constantine
E poi, Paulette
Einaudi

Un bel libro. Una bella storia. Un passaggio generazionale insolito. Una pennellata di campagna in una storia cittadina.
Amicizie che si intrecciano, amori che nascono, persone che muoiono e altre che si incontrano: ce n’è abbastanza per ridere e piangere e pensare e innamorarsi di questa scrittrice e della narrativa francese.
Così chic, così lenta, così piena di piccole storie che da sole valgono una vita. (AP)

Nicola Lecca
La piramide del caffè
Mondadori

Nicola è un giovane scrittore sardo, dalla penna lieve e dall’animo cosmopolita.
E il suo libro è esattamente come lui: intenso come un caffè ristretto, morbido come un cucchiaio di panna, dolce come un cucchiaino di zucchero, complesso come la ricerca del caffè perfetto. In tutto ciò, nel libro il caffè è solo un dettaglio, uno spunto, un mezzo per raccontare una bella storia di giovinezza, di riscatto e di amicizia.
Un racconto che vi lascia con il fiato sospeso e vi costringe a proseguire nella lettura, fino al finale struggente. (AP)